Tag: politica Attiva/disattiva nidificazione dei commenti | Scorciatoie da tastiera

  • GNUpress 11:04 il 19 December 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: , , , , , politica, , wep app   

    Bank of America: se usi Linux noi non garantiamo 

    La questione sul supporto a Linux per i servizi online offerti da banche e società finanziarie è già noto! Nel caso di Bank of America, gli utenti che utilizzano Firefox su un sistema Linux possono tranquillamente accedere ai servizi online nel massimo delle funzionalità!Il punto è che Bank of America, membro d’argento della Linux Foundation, prima di far accedere gli utenti,  chiede loro  di accettare alcune condizioni per poter offrire garanzia di sicurezza e affidabilità del servizio, tra queste spiccano i sistemi operativi supportati che sono Windows e OsX. In pratica, tu che usi Linux puoi utilizzare i nostri servizi online ma a tuo rischio e pericolo! Qui c’è tutta la storia completa sulla faccenda con tanto di risposte ufficiali!
     
  • GNUpress 10:28 il 18 December 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: , , politica, , ,   

    Adobe Reader fuori da 172 siti istituzionali grazie alla FSF 

    Il lettore di documenti PDF Adobe Reader viene proposto esplicitamente per il download  sulla stragrande maggioranza dei siti istituzionali di stati ed organizzazioni! Con costanza e precisione certosina i volontari della Free Software Foundation Europe hanno catalogato tutti i siti e inviato delle lettere informative sulla scorrettezza di tale pratica! Come riportato sul sito della FSFE:
    solo un mese dopo l’invio delle lettere per la campagna PDFreaders della FSFE , 172 istituzioni pubbliche hanno rimosso la pubblicità per il reader proprietario  PDF dal loro sito web. In particolare spiccano gli interventi di Croazia , Russia e Slovenia . In Croazia quasi tutte le istituzioni riferiscono di aver cancellato l’annuncio. La metà di quelli contattati in Russia e Slovenia hanno soddisfatto la richiesta della FSFE.
     
    • GNUpress 12:18 il 18 dicembre 2010 Permalink | Rispondi

      @luca
      Ho deciso di non approvare il tuo commento, non per la natura dell’opinione espressa ma per il linguaggio poco educato nei confronti di volontari che partecipano attivamente alla comunità! Se avrai voglia di esprimere le tue opinioni su questo piccolo blog io ti prego di farlo senza offendere il tuo prossimo ed evitando di usare più di una parolaccia per ogni quattro termini!

    • Luca 12:36 il 19 dicembre 2010 Permalink | Rispondi

      Comprendo e mi scuso…ma leggere certe cose…che vantaggi si può avere togliendo un link per il download di adobe reader? nessuno…le persone che non hanno dimestichezza con il pc dovranno documentarsi da soli per leggere un pdf!…è software closed source? e allora? queste crociate sono inutili e controproducenti!
      ps: il suddetto commento non vuole essere in nessun modo polemico verso questo blog

  • GNUpress 18:38 il 17 December 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: brevetti, politica,   

    Red Hat contro l’isterismo legale sui brevetti 

    Red Hat si unisce all’azione legale intrapresa da Yahoo, eBay, Electronic Arts, General Motors e HP,  per contestare una recente sentenza della Corte d’Appello per il Federal Circuit! La sentenza rischia di aggravare la già pesante situazione sulla tutela legale dei brevetti software negli Stati Uniti.
    Le società  hanno presentato una breve relazione alla Corte Suprema degli Stati Uniti con la speranza che la  norma per la violazione di brevetto sia modificata!
     
    • mmenaz 23:10 il 18 dicembre 2010 Permalink | Rispondi

      Abolire i brevetti sul software, altro che modificare la norma sulla loro violazione! Basta con questi sopprusi, basta con questo campo minato, basta bloccare la libera iniziativa e l’innovazione, basta tenere in scacco il mondo intero a vantaggio dei soliti monopolisti. Europa, sveglia!!! Basta avanzare verso il baratro statunitense.

  • GNUpress 19:15 il 16 December 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: , , , , , , politica   

    Microsoft, Apple, Oracle e EMC hanno acquistato gli 882 brevetti Novell 

    Si scopre l’arcano mistero sulla misteriosa società fantoccio creata da Microsoft per l’acquisto, con 400 e passa milioni di dollari, dei brevetti Novell! Secondo quanto scritto da Alan Shimel,  dietro la società fantoccio non c’erano delle aziende fantoccio controllate da Microsoft ma alcuni tra i maggiori colossi IT:Apple, Oracle ed EMC. Se vera, la notizia è sorprendente!
     
    • red/ 11:51 il 17 dicembre 2010 Permalink | Rispondi

      Ciò cosa comporterà per gli utenti delle altre distribuzioni? Che genere di limitazioni potrebbero creare?

      Le altre distribuzioni linux che hanno un po’ di soldi (tipo Red Hat) come hanno commentato l’ accadimento, cosa propongono di fare in futuro se dovesse fallire un’ altra distribuzione linux di quelle famose?? (ricordo che dai blog leggevo che c’ era mancato poco che fallisse Mandriva….)

  • GNUpress 08:55 il 16 December 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: , , , politica   

    Google 5 mln per Eclipse 

    Google Mercoledì ha annunciato un’iniziativa che dara’ un grosso contributo  alla comunità open source: donare oltre  5 milioni di dollari in codice e  proprietà intellettuale alla Fondazione Eclipse.
    Si tratta di due prodotti per java: WindowsBuilder e Code Profiler Pro. Google ha ricevuto negli ultimi mesi parecchie richieste da parte della comunita’  Eclipse  che era molto interessata ai due prodotti! il  Direttore Esecutivo della Fondazione Eclipse Mike Milinkovich , afferma che:
    questo progetto è chiaramente un nuovo annuncio importante , oltre che una buona notizia per gli sviluppatori Java con Eclipse. E ‘stato impressionante vedere la continua crescita e popolarità del WindowBuilder, in quanto questo prodotto ha sempre colmato una lacuna nelle offerte Eclipse…Siamo molto soddisfatti del generoso supporto apportato da Google  e dalla comunità degli sviluppatori Java in tutto il mondo. “

     

     
    • picchiopc 12:09 il 16 dicembre 2010 Permalink | Rispondi

      Hanno donato il tutto perché sanno che prima o poi Oracle gli darà rogne per via di Java xD

  • GNUpress 06:23 il 16 December 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: , , , , politica   

    Mentor Graphics entra a far parte della Linux Foundation 

    Mentor Graphics, è una multinazionale Americana che si occupa di automazione della progettazione elettronica, dal 2004 e’ al terzo posto nel settore EDA .L’azienda, fondata nel 1981, ha sede a Wilsonville, Oregon , e impiega 4.000 persone in tutto il mondo. La Linux Foundation annuncia oggi l’ingresso della societa’ nel numeroso gruppo di aziende iscritte alla fondazione!
     
  • GNUpress 18:18 il 15 December 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: FBI, , OpenBSD, politica, ,   

    OpenBSD: sviluppatori pagati dall’FBI per compromettere la sicurezza del sistema. 

    Sembrerebbe che degli sviluppatori OpenBSD durante il 2000-01 abbiano accettato denaro da parte  dall’ FBI per compromettere la sicurezza di OpenBSD. In particolare pare si tratti dello stack IPSEC  e di un Backdoor inserito volontariamente al suo interno. In pratica la sicurezza di rete di OpenBSD veniva resa vana attraverso codice malevolo inserito volontariamente dai programmatori. Il fatto, se vero è gravissimo! Queste pesanti accuse sono mosse dal fondatore di OpenBSD, Theo de Raadt, pare che abbia ricevuto una email dove (un ex-dipendente) viene spiegato l’accaduto e menzionato il gruppo di sviluppatori corrotti!
     
  • GNUpress 18:16 il 29 November 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: , , politica, squueze,   

    Debian Squeeze sarà la prima con ZFS 

    Ci sono cose che un utente Debian non si aspetta di ritrovare in Debian Stable! La prossima creatura Debian sarà Squeeze 6.0, molto probabilmente una delle migliori distribuzioni mai create da Debian.  Abbiamo già parlato delle novità che si vedranno in Squeeze alcune insolite e innovative per la distribuzione altre del tutto normali per le distribuzioni di massa!L’ultima è proprio inaspettata,è riguarda l’inclusione di  ZFSche sarà supportato in Debian Squeeze usando l’installer ufficiale.
    Questo significa che Debian Squeeze sarà una una delle prime se non la prima distribuzione GNU/Linux  a supportare ufficialmente ZFS.

     

     
  • GNUpress 09:15 il 29 November 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: , , , , , politica   

    Microsoft s’infiltra al FOSDEM 2011 

    “Ho ucciso almeno due conferenze Mac. […] Iniettando contenuto Microsoft , la conferenza e’ stata bloccata. Il ragazzo che gestiva mi disse, perché stai facendo questo? ” – Microsoft’s chief evangelist
    Il prossimo obiettivo di quest‘infima strategia e’ il FOSDEM 2011!il FOSDEM (Free e Open Source Developers ‘European Meeting) è un evento europeo incentrato sullo sviluppo del software libero e open source . Si rivolge a sviluppatori e a gli tutti interessati sul mondo Open. Si pone come obiettivo  quello di consentire agli sviluppatori di incontrarsi per promuovere la conoscenza e l’uso di software open source e gratuito. Ora coldplex.org e’ presente tra gli sponsor del FOSDEM 2011,  CodePlex.com è solo un sito web  Microsoft con fini benevoli per gli sviluppatori open source!Quale sara’ il prezzo da pagare per questa  sponsorizzazione?  . Stallman ha le idee abbastanza chiare: il prezzo potrebbe essere pagato con il discorso di  qualche uomo Microsoft. […] il non dire che il software proprietario è  male[…]  o impedire informazioni che riguardano l’immoralita’ del  software di Microsoft  “
     
    • Valdan 09:42 il 29 novembre 2010 Permalink | Rispondi

      Il lupo si vuole guardare intorno per vedere cosa riesce a divorare?

  • GNUpress 09:04 il 28 November 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: , , , politica,   

    Studio scientifico sui vantaggi dell’open source 

    L‘università di Tampere in Finlandia pubblica uno studio su una delle più grandi migrazioni dai programmi proprietari  a  quelli  Open mai avvenuta! Si tratta di Open Office portato in 7 anni su tutti i computer (10.000) del Ministero della Giustizia finlandese e il suo settore amministrativo.
    lo studio mostra che il passaggio ad una suite per ufficio open source è fattibile in un contesto di ampia scala e che notevoli benefici possono essere raggiunti a seguito della transizione… Altre considerazioni includono spesso citati obiettivi strategici come la facilitazione della governance IT che è diretta e la riduzione della dipendenza dai vendor attraverso soluzioni open source e standard aperti. Lo studio affronta diverse questioni importanti praticamente coinvolti nell’adozione dell’open source, ad esempio, l’analisi delle funzionalità del software e l’interoperabilità, le valutazioni dei costi, installazione e problemi di configurazione, problemi di supporto per la lingua locale.. .
     
c
scrivi un nuovo post
j
post successivo/commento successivo
k
post precedente/commento precedente
r
Rispondi
e
Modifica
o
mostra/nascondi commenti
t
torna a inizio pagina
l
vai all'accesso
h
mostra/nascondi aiuto
shift + esc
Annulla