Tag: Comunità Attiva/disattiva nidificazione dei commenti | Scorciatoie da tastiera

  • GNUpress 20:52 il 6 August 2011 Permalink | Rispondi
    Etichette: Comunità, , , , , ,   

    Wayland-KDE 

    Il desktop summit di Berlino rivela notizie interessanti fin dal suo giorno inaugurale! Uno dei primi argomenti in discussione ha riguardato il gestore di finestre Kwin. Martin Grasslin sviluppatore Kwin delinea le tappe che porteranno all’adozione di Wayland da parte di Kwin. La mentalità di sviluppo adottata da Martin e dagli altri uomini  Kwin sarà prudente e graduale! Anche se una versione di Kwin Wayland verrà inserita nel ramo di sviluppo kde nel prossimo inverno serviranno anni e un duro percorso di test per rimuovere tutte le dipendenze X da Kwin e per rendere questo performante con Wayland! la prudenza nasce dal fatto che il nuovo server grafico è stato testato pochissimo e dalla mancanza di driver specifici! Grasslin conclude con un appello ai team di sviluppo di Gnome Shell e Unity affinchè non adottino in modo prematuro il server grafico.
    Annunci
     
  • GNUpress 13:14 il 5 August 2011 Permalink | Rispondi
    Etichette: Comunità, ,   

    Gnome e KDE uniti sotto il cielo di Berlino 

    A partire Sabato, Berlino sarà per qualche  giorno la capitale mondiale del desktop Linux: circa 1.000 sviluppatori, soprattutto di KDE e GNOME passeranno una settimana insieme per trattare  sul futuro dei loro progetti  e anche per laborare progetti da sviluppare in comune. Il  Desktop Summit per la seconda volta si svolge in modo da rendere concomitanti  Akademy e GUADEC. Questo è un bel messaggio di amicizia nonostante l’acerrima rivalità che scorre tra i due progetti.
     
  • GNUpress 08:07 il 31 July 2011 Permalink | Rispondi
    Etichette: Comunità, ,   

    Full Circle Magazine N 51 

    E ‘disponibile per il download il n. 51 di Full Circle Magazine , l’ eccellente rivista  pubblicata dalla Comunità Indipendente di Ubuntu.
    Questi sono solo alcuni degli articoli di questo numero:
    * Command and Conquer.
    * How-To: Programmi in Python – Parte 25, LibreOffice – Parte 6, Ubuntu Sviluppo – Parte 3, e utilizzo di KDE (4.6) parte 2. Linux * Lab – Creazione di un repository.
    * Review – GRAMPS .

    • Top 5 – I client VOIP
    • I Think – Che Distro utilizzi?
Download (versione in Inglese)
.
 
  • GNUpress 07:53 il 22 December 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: , Comunità, , , , , ,   

    Il Contributor Agreement Canonical 

    Sta nascendo una piccola polemica, legata alla licenza della documentazione relativa ad Unity, che a lungo andare potrebbe assumere dimensioni molto piu’ grandi del previsto! Ad alcuni sviluppatori ed utenti non piace l’idea di firmare il Contributor Agreement Canonical, che assegna il diritto d’autore a Canonical per chi scrive documentazione su Unity. Una volta firmato il  Contributor Agreement , Canonical puo’ ,a sua discrezione, decidere di applicare una licenza differente da quella stabilita in partenza! Le condizioni imposte dall’azienda madre di Ubuntu  stanno creando  attriti con una parte della comunita’!
     
  • GNUpress 17:19 il 18 December 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: , Comunità, shop, tastiera,   

    La tastiera piegabile Ubuntu 

    Resistente all’acqua, incolume alla polvere, piegabile per essere facilmente riposta in borse e valige! È la nuova tastiera messa in vendita sullo shop di Canonical. interfaccia USB e PS2, in silicone , layout americano, cinese ed europeo può essere vostra per soli 18 Euro! Sarebbe una buona idea per fare e farsi un bel regalo di Natale e allo stesso tempo per dare un piccolo aiuto economico alla vostra distribuzione preferita!
     
  • GNUpress 16:33 il 15 December 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: Comunità, , , ,   

    Linux sarà completamente ‘libero’ su Debian Squeeze 

    Il progetto Debian lavora  alla rimozione del firmware non-free del kernel Linux da ben due cicli di sviluppo. La comunità Debian è molto sensibile all’argomento, difatti tutto il software presente nella distribuzione deve rientrare nel  Debian Free Software Guidelines (DFSG). Finalmente per la release 6.0 il kernel sarà spogliato di tutti quei componenti che non rientrano nelle rigide regole Debian.
    Siamo orgogliosi di annunciare che, per quanto a nostra conoscenza, con Debian Squeeze tutti i problemi sono risolti e saremo in grado di fornire un kernel Linux completamente libero….Con la presente riaffermiamo che  il Software Libero è  una delle nostre priorità, come documentato nello stesso Contratto Sociale Debian .
     
  • GNUpress 13:25 il 1 December 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: Comunità, , ,   

    join the game 

    Partecipate alla raccolta fondi KDE! Come spiega Aseigo sul suo blog, jointhegame.kde.org e’ il nuovo portale web attraverso il quale si entra a far parte della comunità kde contribuendo economicamente alla crescita del progetto! do ut des
     
  • GNUpress 10:55 il 25 November 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: Comunità, , , , , , stati canaglia   

    Gnome attua le politiche di embargo USA 

    Cosa c’entra Gnome il Desktop con il terrorismo, la politica estera USA,gli stati canaglia e il presidente Obama? Proprio nulla se non fosse che la Gnome Foundation abbia escluso per  un suo concorso aperto a tutta la comunita’ gli abitanti di Cuba, Iran, Siria, Nord Corea, Sudan e Myanmar (Birmania); poiche’ cittadini di paesi le cui importazioni’ sono sottoposte a regole di embargo statunitensi!
    Il concorso riguarda la progettazione della t-shirt promozionale per il lancio di Gnome 3, l’esclusione e’ attuata perche’ e’ impossibile dal punto di vista legale inviare gli eventuali premi nei paesi dei partecipanti!
    La comunita’ e anche gli sviluppatori si sono ribellati , ma la Gnome Foundation e’ un’organizzazione no profit registrata negli stati uniti e deve sottostare alle leggi statunitensi!  Richard Stallman ha suggerito una soluzione molto elegante: non escludere nessuno ma sottolineare che ai vincitori residenti nei paesi incriminati non potra’ essere spedito il premio!
     
  • GNUpress 12:48 il 20 November 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: Comunità, ,   

    La comunità Open Source non esiste 

    A sostenerlo è Graham Morrison attraverso un articolo pubblicato su techradar.com. La comunità opensource non esisterebbe per la presenza di innumerevoli  progetti e per l’assenza di un capo che possa accomunare tutti sotto specifici obiettivi! Quello che tutti noi pensano sia Open source non è altro che una serie di comunità all’interno di comunità più grandi in perenne conflitto tra loro, con capi dal basso linguaggio e utenti anche peggiori! La descrizione è simile all’anarchia vigente tra le comunità umane nel periodo neanderthaliano

     

     
    • Augusto 18:36 il 20 novembre 2010 Permalink | Rispondi

      e cosi alla fine della strada si è reso conto che l’ opensoursce non si basa sulle regole di mercato normali e che non poteva comprarlo… e così sparò quello che gli veniva in mente -_-

      da “la scimmia che cerca il capo branco nella giungla”

      Viva la libertà di scegliere e fare quello che si vuole!… questa si che è evoluzione…

  • GNUpress 20:38 il 19 November 2010 Permalink | Rispondi
    Etichette: Comunità, , , ,   

    One Hundred Paper Cuts diventa più ambizioso 

    Durante l’Ubuntu Developer Summit di Orlando, si è  discusso sul come continuare il progetto il progetto One Hundred Paper Cuts per il ciclo di sviluppo di Ubuntu Natty. Dal blog di Ense Hofstede (contributor Ubuntu) arrivano informazioni che riguardano proprio i cambiamenti volti a migliorare ed espandere One Hundred Paper Cuts!
    D’Ora in avanti saranno accettati come piccoli  bug di usabilità anche quelli segnalati per le applicazioni non presenti di  di default in Ubuntu o Kubuntu! Di conseguenza si cercherà di collaborare anche in upstream con i progetti coinvolti! Per conoscere tutti i dettaglia visitate la pagina wiki del progetto Hundred Paper Cuts.

     
    • Sense Hofstede 15:43 il 20 novembre 2010 Permalink | Rispondi

      Please do notice that we do have not completely dropped the requirement for applications having to be included in Ubuntu by default. We require the affected application either to be included by default OR to be listed in the Software Centre as featured. That does mean a lot of applications are still excluded.

  • c
    scrivi un nuovo post
    j
    post successivo/commento successivo
    k
    post precedente/commento precedente
    r
    Rispondi
    e
    Modifica
    o
    mostra/nascondi commenti
    t
    torna a inizio pagina
    l
    vai all'accesso
    h
    mostra/nascondi aiuto
    shift + esc
    Annulla